Finalmente c’abbiamo dato un taglio!

OGGI NIENTE SPOSE!

Ma voglio ugualmente condividere con voi questa giornata indimenticabile…

Ho finalmente accompaganto mio figlio a tagliare i capelli per la prima volta da quando è nato (ha 3 anni e una tradizione ebraica vuole che si aspetti quest’età!)

Ecco la situazione ieri sera, dopo un bel trattamento districante:130520131381

Si accomodi in poltrona e…al lavaggio!

IMG_8025  IMG_8048

Al taglio e alla piega!

IMG_8034IMG_8063

Ultimi ritocchi….

140520131400

Tra vecchi giradischi, chitarre, jukebox e arredi vintage in perfetto stile ’50, questa tappa dal barbiere è stata davvero memorabile e lui…è stato bravissimo!

140520131405   IMG_8038IMG_8039

Come premio: Coca, patatine e…

IMG_8085

…l’iPhone di mamma;))

140520131429

Annunci

Un matrimonio sul Golfo di Gaeta, tra il colore e il profumo dei limoni del Mediterraneo / by Abracadabra Eventi-Event Planner

Tag

, , , ,

Per un matrimonio sul Golfo di Gaeta, Abracadabra Eventi-Event Planner ha utilizzato i colori del sole per creare un evento carico di allegria e dinamismo.

Con le loro nozze infatti, José e Priscilla (due giovani stranieri innamorati del nostro Bel Paese) hanno voluto annunciare ai loro ospiti l’arrivo dell’estate, scegliendo di giocare tutto sui toni caldi e sensuali tipici del mediterraneo e, specialmente, sulle tonalità del giallo limone, un colore molto particolare, vibrante e solare… carico di energie positive e sopratutto molto estivo!

I limoni sono stati quindi protaginisti indiscussi di questo matrimonio, facendosi notare da subito negli addobbi floreali

Una scelta davvero originale è stata quella di decorare con gli agrumi anche le composizioni ai bordi della navata: un’alternativa molto particolare, diversa dai più tradizionali petali che si è soliti vedere…

addobbi floreali matrimonio abracadabra eventi wedding planner

Per il bellissimo bouquet a cascata, abbiamo invece scelto delle più classiche orchidee bianche con pistillo giallo vitaminico… colore che ha contraddistinto anche i briosi abiti delle damigelle che accompagnavano la sposa e che è stato ripreso persino dal fiore all’occhiello di lui…una deliziosa miniscultura floreale!

sposa e damigelleabracadabra eventi event planner in italy

Per l’aperitivo informale, che si è svolto all’aperto in un bellissimo prato, abbiamo invece creato dei simpatici centrotavola con vasi di vetro cilindrici di diverse dimensioni, al cui interno, posti in modo asimmetrico, sono stati inseriti i limoni.

Giulia Sonnino al lavoro

Giulia Sonnino al lavoro

Per rinfrescare gli ospiti si è pensato poi a una gustosissima limonata ghiacciata, servita in bicchieri da cocktail collocati su un piano di vetro, a sua volta adagiato su un letto di fettine di limone…d’effetto e molto chic!

limonata

Ma i limoni, si sa, sono buonissimi anche da mangiare! E così via libera a minicakes, macarons e perfino muffins (con tanto di iniziali degli sposi…) naturalmente al gusto di limone!

minicakemacarons_480 muffin

D’obbligo a fine pasto, il sorbetto al limone

sorbetto

Il ricevimento si è concluso con una spettacolare wedding cake a sei piani, impreziosita da grandi peonie, decori di glassa e, ancora una volta, le iniziali degli sposi…tutto perfettamente in armonia con il liet motiv dell’evento.

torta

Un allestimento curato nei minimi dettagli da Abracadabra Eventi- Event Planner, per un matrimonio fresco, solare e profumato, che avrà senz’altro lasciato nei ricordi di chi vi ha partecipato, il gusto del sapore mediterraneo e tipicamente italiano.

PREZIOSO CADEAU DE MARIAGE by Abracadabra Eventi

Tag

, ,

Per questo matrimonio in tema “melograno”, Abracadabra Event Planner ha suggerito un ricercato cadeau de mariage: una ciotolina in fine porcellana a forma di “cappello di prete”, che gli ospiti potranno riutilizzare come svuota tasche, posacenere o mettere in bella vista come prezioso soprammobile.

cadeau de mariage, bomboniera artigianale

Ciascuna bomboniera è espressione autentica di artigianato artistico e pertanto è unica. Si tratta infatti di pezzi artigianali, concepiti su ispirazione degli sposi e realizzati interamente a mano da un rinomato laboratorio artistico della Capitale.

bomboniera dall'alto

La fine lavorazione del disegno riprende il leit motiv scelto per l’evento e le iniziali degli sposi, racchiuse all’nterno del melograno (che è emblema di onestà e correttezza, ma anche di ricchezza e fertilità), simboleggiano al meglio il sogno d’amore eterno della coppia protagonista di questo fiabesco wedding day.

Immagine

LOCATION PER MATRIMONIO COUNTRY CHIC / by Abracadabra Eventi

Tag

, , ,

Anche la stagione p/e 2013 promuove la scelta del matrimonio in
Stile Country Chic!

 146235-country-chic-wedding-receptions

Si tratta di una moda che viene dai paesi anglosassoni e che i matrimoni italiani hanno fatto propria rivisitandola e adattandola ai gusti nostrani.

matrimonio country chic

Per gli allestimenti floreali saranno utilizzati fiori di campo, lavanda, rose inglesi, margherite e rose a grappolo.

matrimonio country chic fiori di campomatrimonio country chic fiori di campo

Ogni dettaglio sarà curato con la massima cura ed armonia…

tsbleau originale per matrimonio countrymatrimonio country

matrimonio country chhic

E di grande importanza sarà la location scelta per l’organizzazione del matrimonio. A soli 50 km da Frosinone, tra antiche contrade rurali nei pressi di Cassino, abbiamo una splendida tenuta, perfetta per la realizzazione di un matrimonio in Stile Country Chic.
Si tratta di una suggestiva residenza di campagna immersa nel verde, un ambiente in grado di offrire l’eleganza di un evento esclusivo e, al tempo stesso, un’atmosfera intima, accogliente e familiare.

casale per matrimonio country

Questa location vanta uno splendido giardino di 20.000mq, tra i cui alberi da frutto si trova un antico vascone in pietra, riadattato a moderna piscina con tanto di illuminazione notturna e getti idromassaggio.

casale per matrimonio countrylocation matrimonio country

L’ampio porticato, con grandi travi di legno a vista, è adatto a ospitare ricevimenti fino a 200 persone comodamente sedute.

matrimonio country chicmise en place

Una scelta molto suggestiva può essere anche quella di posizionare i tavoli tra gli ulivi, per dare al ricevimento un sapore ancora più campestre

matrimonio tra gli olivi

E per non lasciare nulla al caso, una cucina raffinata, con prodotti caratteristici del territorio, creerà per voi un menù prelibato.

catering matrimoniocatering matrimonio

Quella che Abracadabra Eventi vi propone è un’oasi ideale per organizzare un matrimonio a contatto con la natura e trascorrere una giornata indimenticabile all’insegna della spensieratezza e del relax.

horse trip in italy

E Per chi lo desidera, è possibile effettuare rilassanti passeggiate a cavallo nelle splendide campagne circostanti…

Che altro dirvi? Quando trovo queste “chicche”, a me viene voglia di risposarmi!!

CENTROTAVOLA COME SCULTURE…L’AUDACIA CHE PREMIA! by Abracadabra Eventi

Tag

, , ,

Un matrimonio all’insegna dell’eleganza e dell’originalità, che ha voluto rendere omaggio alla grande passione degli sposi per l’arte e, in particolar modo, per la scultura contemporanea.

Centrotavola Scultura con specchi    centrotavola scultura con specchi

I centrotavola sono stati realizzati utilizzando specchi di diverse forme e dimensioni, che, accostati alle meravigliose decorazioni floreali della nostra fflower designer, hanno dato vita a vere e proprie sculture.

centrotavola scultura centrotavola scultura

Abracadabra Eventi ha così reinterpretato l’atmosfera di un’esclusiva esposizione en plein air, attraverso audaci giochi di volume e colore, per un risultato di alto design.

centrotavola sculturacentrotavola scultura con specchiocentrotavola specchio

Il pizzo torna di moda!

Tag

,

         

Dopo anni in cui era stato segregato nei bauli della nonna, via libera ora a Macramè, Cantù e Sangallo. Dettaglio prezioso di un abito da sera o semplice decoro per un abito neoromantico, il pizzo, prima scelto esclusivamente per abiti da cerimonia o d’alta moda, viene sdoganato, sdrammatizzando il suo vecchio allure. Non stupitevi quindi se tra le vetrine più chic, vedrete bracciali, borse e tanto altro, con pizzi addirittra in toni fluo o dalle forme più bizzarre…

In realtà sull’altare il pizzo non era mai passato di moda, ma è stato grazie all’abito di Alexander McQueen di stampo tradizionale, indossato da Kate Middleton per il suo matrimonio, che questo tessuto è tornato prepotentemente in voga. E non solo nelle maniche degli abiti, ma anche in altri dettagli sulla schiena o sulle gambe e naturalmente nella lingerie!

Insomma il pizzo è molto molto femminile… Decisamente ci piace!

MI SPOSO, REGALATEMI UN RITOCCHINO!

Tag

,

Quando il matrimonio diventa l’occasione

per andare dal chirurgo estetico

 

            I preparativi per le nozze…delizia e tormento dei fidanzati di tutto il mondo.

C’è da pensare alla location, al catering, agli addobbi, alla musica, ma soprattutto ad arrivare impeccabili all’altare. E allora via a cercare il vestito più bello e poi l’estetista, il parrucchiere, il truccatore…ma non finisce qui. Da oggi infatti nella lista di cose da fare prima del grande giorno compare una voce in più: un ritocchino dal chirurgo estetico!

Si chiama wedding surgery la nuova tendenza, che arriva direttamente dagli Stati Uniti e che sta contagiando molti sposini italiani, decisi ad affrontare il giorno più bello della vita al meglio della forma. Le nozze infatti vengono viste, tanto dalle donne quanto dagli uomini, come l’occasione giusta  per correggere qualche difetto che li perseguita da tempo. Nella maggior parte dei casi, infatti, non si tratta di un ghiribizzo dell’ultimo momento, ma di un desiderio coltivato a lungo e rimandato per anni, spesso a causa della spesa proibitiva o semplicemente perché non si trovava il coraggio o la scusa adatta. Ecco: la voglia di apparire speciale agli occhi del proprio partner e degli invitati, di sentirsi per un giorno come divi del cinema, di fermare il tempo negli scatti impeccabili che finiranno nell’album di famiglia…tutto questo rappresenta appunto “la scusa adatta” per eliminare la malefica imperfezione.

Alla base di questo trend c’è però dell’altro: la consuetudine, ormai ben radicata ai nostri giorni, di arrivare all’altare sempre più “maturi”. I dati Istat fissano l’età media intorno ai trent’anni, periodo in cui in genere si sono terminati gli studi e si è acquisita una certa stabilità economica; ma in cui si assiste anche ai primi rilassamenti cutanei e muscolari, al comparire delle prime rughe e, soprattutto, si è persa la freschezza caratteristica dei vent’anni. Da qui il desiderio del ritocchino. In cima alle aspirazioni delle future spose, un seno più abbondante, un lato B da urlo e la liposcultura, per ridurre il grasso in eccesso e rimodellare il corpo dove serve. Sul versante maschile, invece, il sogno di sbarazzarsi di quel naso importante o  di quelle dannate orecchie a sventola fa sì che rinoplastica e otoplastica siano gli interventi più gettonati.

Chi invece sta convolando a seconde nozze deve fare i conti con gli inestetismi propri della mezza età. Le donne, sovente già madri, cercano attraverso la chirurgia di riacquistare femminilità e sicurezza in se stesse, qualità che spesso vengono appannate durante la difficile fase del divorzio. Vogliono tornare ad avere un décolleté alto e sodo e la tonicità addominale persa con le gravidanze; non rinunciano inoltre a filler e botulino per appianare e riempire le rughe. Tale rimedio d’altronde non è disdegnato neppure dagli uomini, i quali, nell’intento di frenare il cedimento delle palpebre, lo associano spesso a un intervento di blefaroplastica. Molti inoltre ricorrono all’addominoplastica e alla liposcultura per far sparire le famigerate maniglie dell’amore e quell’antiestetica pancetta tipica di chi ha passato  troppe ore sul divano a guardare la televisione con la birra in mano.

Per i più caparbi, infine, che scelgono di recarsi all’altare per la terza (se non quarta) volta, le richieste mirano soprattutto a ritrovare la giovinezza: blefaroplastica e lifting per entrambi i sessi, mentre le donne, per superare i disagi che una forma anomala dei genitali potrebbe provocare nella sfera intima, ricorrono spesso alla chirurgia delle labbra vaginali (labioplastica).

Insomma, una radicale remise en forme prima del fatidico sì sembra ormai essere d’obbligo, ma bisogna stare attenti a programmare bene i tempi dell’operazione, se non si vuole correre il rischio di trovarsi sotto al velo ancora con i segni del chirurgo… E, come se non bastasse, non sono soltanto i futuri sposi a darsi un’aggiustatina: suocere e testimoni infatti non rinunciano ad apparire al meglio della forma e alla febbre da ritocco non scampano neppure loro.

Il fenomeno può anche far sorridere, ma è più radicato di quanto si possa credere, tanto che anche le liste di nozze si rimettono a nuovo, adeguandosi alle ultime mode. E così, se di questi tempi ricevete un invito per un matrimonio, non stupitevi se, al posto della batteria di pentole o del servizio di piatti da ventiquattro, gli sposi vi chiederanno un contributo per pagare il “restauro”… il loro, non dell’appartamento in cui andranno a convivere! Peccato per  i servizi da thè e lenzuola di lino ricamate a mano… ormai sono roba dell’altro millennio!

IL MATRIMONIO EBRAICO

Tag

, , ,

Un rito semplice, ma molto suggestivo

  • Alla vigilia delle nozze la sposa si immerge in un mikveh, una piscina di acqua piovana specificatamente creata per questo uso, che la purifica simbolicamente per le nozze. Di solito, subito dopo, le amiche e le parenti più intime si riuniscono per festeggiare con dolcetti e musica.
  • Il giorno delle nozze i futuri sposi dovrebbero digiunare. Questo perché si ritiene che, con l’unione matrimoniale, gli sposi rinascano in un’unica, nuova persona e i loro peccati vengano annullati attraverso il digiuno.
  • Lo sposo, insieme ad amici, testimoni e parenti, aspetta l’arrivo della sposa e, nella commozione generale, le copre il volto con il velo, che fino a quel momento era stato sollevato. La tradizione infatti vuole che lo sposo si accerti che si tratti della ragazza giusta… Solo cosi la sposa, velata, potrà essere condotta sotto la Chuppa, il baldacchino nuziale dove si celebrerà la cerimonia e che simboleggia la futura casa coniugale.
  • La lettura della Ketubbah, il contratto di matrimonio precedentemente firmato dallo sposo e da due testimoni, verrà eseguita dal rabbino davanti a tutti gli invitati, sarà benedetto del vino e lo sposo infilerà l’anello (che deve essere liscio e senza iscrizioni, a simboleggiare la purezza assoluta) al dito indice della mano destra della sposa. Essa accetterà silenziosamente l’anello, affermando in questo modo la sua volontà all’unione. La Ketubbah viene consegnata quindi alla madre di lei, che ne sarà la custode per la vita; e sette uomini, scelti tra parenti e amici, pronunceranno le 7 benedizioni su un bicchiere di vino, che verrà poi dato da bere agli sposi.
  • Lo sposo, pronunciando la frase “Se ti dimentico Gerusalemme si paralizzi la mia destra, si attacchi la mia lingua al palato se non metterò Gerusalemme al di sopra di ogni mia gioia” , rompe a terra un bicchiere di cristallo, un gesto che simboleggia l’intenzione, anche nei momenti più felici, di non dimenticare il dolore per la distruzione del tempio di Gerusalemme.
  • Il rito finisce qui… gli sposi  salutano gli amici che si congratulano con loro e possono dare  una benedizione personale a ciascuno. Infatti, nel giorno delle proprie nozze, vengono considerati portatori di fortuna e di benedizioni.
  • La nuova coppia si apparta poi nell “Heder Ychud”, una stanza dove resterà per una mezz’oretta, per rompere il digiuno e stare insieme,  e che simboleggia l’avvenuta unione . All’uscita saranno considerati a tutti gli effetti marito e moglie.
  • Nella sala ricevimenti gli ospiti, che attendono il ritorno degli sposi, si preparano ad accoglierli con musica e danze. Al loro arrivo, saranno trascinati nel vortice dei balli, da cui non emergeranno tanto facilmente;  nel matrimonio ebraico infatti raramente si riesce di mangiare qualcosa se si è i protagonisti e si andrà avanti sino a notte fonda…..
  • i festeggiamenti continueranno poi con la particolare tradizione, che vede parenti e amici impegnati a offrire, per sette giorni,  la cena ai novelli sposi, invitando sempre dieci uomini e gente nuova, in modo da allietare le prime serate della loro nuova vita insieme.

MATRIMONIO 2012: TENDENZE

Tag

,

Addio stile minimal-chic!

L’anno nuovo abbandona definitivamente le linee pure, che nelle ultime stagioni hanno segnato le tendenze della moda nuziale, per tornare al romanticismo più profondo tipico dell’epoca vittoriana; e lo fa innanzitutto ridisegnando l’abito della sposa: pizzi, merletti, busti, colli alti e corsetti aderenti ingabbiano con eleganza la figura femminile, che acquista così un accento sofisticato e retrò; mentre il volume delle gonne aumenta, sorretto da ampie sottovesti e addirittura crinoline in puro stile ottocentesco. Il bianco viene rieletto protagonista assoluto, nelle tonalità del bianco-seta e dell’avorio. Non manca poi qualche lieve accenno di colore, in nuance pastello delicatissime, come il rosa cipria, l’azzurro polvere  e il verde acqua chiarissimi.

Anche le acconciature si ribellano ai dettami della moda degli scorsi anni (che volevano i capelli “naturali”, sciolti e quasi spettinati) e sembrano obbedire al nuovo corso più classico, che impone alle chiome ordine e precisione, ossia capelli ben raccolti e stile molto curato. Ma per chi non ama chignon e pettinature statiche, resta valida l’opzione di un semi-raccolto, con ciuffi sciolti qua e là a incorniciare il viso.

Da appuntare all’acconciatura, si riconferma più che mai la tradizione del velo, meglio se ricamato, ma non necessariamente lungo.

Non è immune dal nuovo trend neppure l’altro accessorio per eccellenza della sposa: il bouquet, che quest’anno sarà caratterizzato da colori delicati (come il panna e il rosa antico) e dettagli in perle, pizzi e persino cristalli Swarovsky.

Il romanticismo ricompare perfino nei servizi fotografici: molto in voga le immagini in bianco e nero o appena invecchiate, che sembrano immortalare attimi dal sapore antico.

Per quanto riguarda la torta nuziale invece, la parola d’ordine è “stupire”! Grandi, grandissime, su più piani, talvolta persino rivestite con elementi di volume in forma di volant (che riprendono il motivo dell’abito da sposa) oppure montagne di piccole cupcakes… insomma vere e proprie opere d’arte che non pongono limiti alla fantasia:l’importante è che strappino l’applauso!